5 gennaio 2012

Il cenone della signora Monti

Monti è un uomo spiritoso, non c'è che dire. A proposito della polemica innescata da Calderoli sul sontuoso cenone a spese dei contribuenti a Palazzo Chigi (ma l'innesco non ha funzionato), la Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblica un comunicato nel quale si precisa - fra le altre cose - che:
Gli acquisti sono stati effettuati dalla signora Monti a proprie spese presso alcuni negozi siti in Piazza Santa Emerenziana tortellini e dolce e in via Cola di Rienzo cotechino e lenticchie. La cena è stata preparata e servita in tavola dalla signora Monti.
Mi chiedo solo che impressione possa fare ad un extra-terrestre (o anche un extra-italiano) un comunicato ufficiale del governo con la lista della spesa di Monti

2 commenti:

  1. Alluzzi Lorenzo5 gennaio 2012 12:07

    Come mai questi problemi ce li poniamo ora, mentre l'ex capo del Governo navigava tra tangenti, harem e mafia senza nessun problema?
    Mi sembra che tutta l'opinione pubblica si stia svegliando ora dopo 20 anni di torpore: quanti anni erano che gli operai di fincantieri non occupavano aereoporti o strade per protestare? Da quanto non c'era una vera protesta sindacale?
    Tutto ora con Monti...è molto strano!

    RispondiElimina
  2. Premetto che non sono Berlusconiano (a scanso di equivoci), ma penso che
    il problema che si voleva sollevare era quello dell'excusatio non
    petita. Il quesito di Calderoli è pretestuoso, ma non vuole portare
    acqua ad alcun mulino se non al proprio. E cerca di farlo in maniera
    talmente goffa che non urgeva alcun comunicato. Interrogarsi su chi sia
    meglio tra Monti, Tremonti e Berlusconi svia una volta di più
    l'attenzione dal problema reale: quello degli sprechi oceanici e della
    sproporzione tra i TFR degli operai e quelli dei loro "alti" dirigenti.

    RispondiElimina